closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Al Quadraro con Ascanio Celestini

Il film. «Viva la Sposa» presentato alla mostra di Venezia è ora nelle sale, intreccio di personaggi non così lontani dalle storie reali delle periferie

«Questo film non è un giallo, Non è neanche un noir, non è nemmeno un film «sulla violenza della polizia». È più un film sulla colpa, questi personaggi c’hanno tutti una qualche colpa, tranne l’abruzzese, il garagista…» E qua ci interrompe il cameriere, per chiederci cosa prendiamo da bere, perché ho portato Ascanio Celestini a pranzare in osteria, una di quelle schiette e romane, per parlare in tutta calma del suo Viva La Sposa, che mi era piaciuto a Venezia e che ora (22 ottobre) esce nelle sale. È un crocevia di traiettorie esistenziali questo film, un reticolo di storie...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.