closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Al piano tedesco di accoglienza mancano oltre 170mila rifugiati

Germania. Ingresso concesso ad appena 47.400 profughi, il patto di coalizione Spd-Cdu ne prometteva 220mila. Mentre non si placa la polemica per il fallimento delle operazioni di evacuazione da Kabul: più della metà dei collaboratori afghani sono già stati abbandonati al loro destino

Afghani in fuga da Kabul; in basso Angela Merkel

Afghani in fuga da Kabul; in basso Angela Merkel

Altro che politica di benvenuto: nei primi sei mesi del 2021 la Repubblica federale ha concesso l’ingresso ad appena 47.400 profughi di fronte al piano di accoglienza di 220.000 persone all’anno prevista nel patto di coalizione Spd-Cdu. «Alla luce dell’inquietante aumento del numero di rifugiati è una notizia vergognosa: come paese ricco la Germania non si sta dimostrando all’altezza della sua responsabilità di proteggere chi scappa dalla guerra» denuncia Ulla Jelpke, esperta degli Interni della Linke, che con la sua interrogazione parlamentare ha costretto il governo Merkel a tirare fuori i numeri del fiasco umanitario. E pensare che il «corridoio...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.