closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Al conte Ory il vaudeville si addice a metà

Opera. Alla Scala va in scena l'opera di Gioacchino Rossini, trama giocosa di allusioni e sottigliezze in un allestimento parzialmente riuscito

Le Comte Ory

Le Comte Ory

Al Teatro alla Scala è in scena in questi giorni (repliche fino al 21 luglio) Le Comte Ory, penultima opera di Gioacchino Rossini, che Damien Colas, curatore dell’edizione critica presentata per la prima volta a Milano, ha definito «Don Giovanni alla francese». Le pur copiose donnesche imprese del protagonista nei versi del principe dei librettisti francesi Eugène Scribe e nella partitura di Rossini si risolvono in un trama giocosa di allusioni e sottigliezze che dà all’opera l’aspetto di una ironicissima pochade, zeppa di sottintesi morali e di costume, basata su un intreccio ricco di situazioni farsesche, colpi di scena e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.