closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Al confine orientale una resa dei conti ideologica e non una pulizia etnica

Novecento. L’ultimo libro dello storico torinese Eric Gobetti «E allora le foibe?» (Laterza) ha il grande merito di riassumere i punti essenziali di una vicenda altrimenti complessa e intricata, con l’obiettivo dichiarato di favorire su questo tema il confronto civile piuttosto che lo scontro ideologico

Immagine d'archivio dell'ingresso di una foiba scoperta in Friuli nel dopoguerra

Immagine d'archivio dell'ingresso di una foiba scoperta in Friuli nel dopoguerra

Sottrarre la memoria di quanto accaduto al confine orientale del Paese prima, durante e dopo la Seconda guerra mondiale, alla propaganda dell’estrema destra e rendere finalmente il «Giorno del Ricordo» - istituito nel febbraio del 2004 per commemorare le vittime delle foibe e l’esodo di istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra, la prima proposta di legge in tal senso venne dagli eletti di Alleanza Nazionale - «una data per ricordare i drammi prodotti dal nazionalismo, dal fascismo, dalla violenza ideologica, dalla guerra». Pensato per il grande pubblico più che per gli specialisti, E allora le foibe? (Laterza, pp. 116,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi