closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Al Caravaggio occupato otto anni dopo arriva la casa

Diritto all'abitare. La vittoria di occupanti, movimenti e realtà solidali. Tutti gli abitanti avranno un alloggio popolare assegnato. Già iniziati i traslochi. Domani conferenza stampa alle 14

Il palazzo occupato visto di fronte

Il palazzo occupato visto di fronte

C’è soddisfazione nei corridoi dei due parallelepipedi di viale del Caravaggio 107, quartiere romano di Tor Marancia. Quegli uffici dai vetri verdi diventarono case con l’occupazione del 6 aprile 2013, secondo appuntamento dello «Tsunami tour» dei movimenti per il diritto all’abitare romani che diede un tetto a 3mila persone in 19 stabili vuoti. L’ultima grande ondata di occupazioni capitoline. Nell’atrio e negli spazi comuni gli oggetti trasformati in barricate per difendersi da uno sgombero per lungo tempo all’ordine del giorno hanno lasciato il posto a scatoloni e pacchi. «Siamo rimasti in circa un terzo, ma nelle prossime ore andremo via...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.