closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Al bando 208 canzoni, altri sei anni ad Ahmet Altan

Turchia. Per lo scrittore turco, già condannato all’ergastolo aggravato, si mobilitano 38 premi Nobel. La tv pubblica redige una lista nera di brani «immorali» e «politici». Poi smentisce

Arresti dopo il tentato golpe

Arresti dopo il tentato golpe

«Sto vivendo quello che scrissi in un romanzo. Anni fa mentre vagavo in quel territorio ignorato, enigmatico e confuso dove la letteratura tocca la vita, incontrai il mio destino ma non l’ho riconosciuto. Ora sono in arresto come il mio protagonista. Passeremo il resto della vita da soli in una cella di tre metri per tre. Non avremo mai la grazia e moriremo nella cella di una prigione. Non vedrò di nuovo il mondo. Sto andando all’inferno». Sono alcune parole di una lunga lettera che Ahmet Altan ha scritto dalla prigione turca di Silivri e pubblicata sul New York Times....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi