closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Aiuto al suicidio, disatteso l’atto della Consulta

Eutanasia. Ancona, il tribunale respinge il ricorso di un uomo tetraplegico che chiede di accedere alle procedure dettate dalla Corte Costituzionale. L’avvocata Gallo, Associazione Coscioni: «La Asl non ha mai visitato "Mario"»

Marco Cappato, tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni, sotto  processo per aver aiutato  al suicidio  Dj Fabo

Marco Cappato, tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni, sotto processo per aver aiutato al suicidio Dj Fabo

«Ma perché?» Perché - chiede Mario (nome di fantasia) - «se la Corte costituzionale ha stabilito che è legale, a me viene invece vietato? Perché posso sottopormi alle cure palliative che mi uccidono lentamente e non posso invece prendere un farmaco letale? Qual è la differenza? Spiegatemelo». Ha reagito così, il signor Mario, - secondo il racconto riferito al manifesto dalla sua avvocata Filomena Gallo, segretaria dell’Associazione Luca Coscioni che lo ha supportato - alla sentenza con la quale lo scorso 24 marzo (notificata lunedì) il Tribunale di Ancona ha respinto il suo ricorso contro l’Azienda sanitaria unica delle Marche...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi