closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Aisha aveva denunciato. Il pm: non c’erano prove

I femminicidi di Padova e Catanzaro. Nei Centri anti violenza D.i.Re nel 2019 sono state accolte 20.432 donne con un incremento, rispetto al 2018, di 717 contatti

Manifestazione di protesta

Manifestazione di protesta

Uccisa con due coltellate al petto mentre cercava di difendersi con tutte le sue forze, così è morta martedì notte a Cadoneghe in provincia di Padova Aisha El Abiou, 30 anni e tre figli. A ucciderla è stato il marito quarantenne, Jennati Abdefettah. Per toglierle la vita gli è bastato un coltello afferrato in cucina. La donna lo scorso ottobre aveva presentato denuncia per minacce e maltrattamenti, aveva provato ad allontanarsi da casa. Evidentemente ancora troppi ostacoli impediscono alle donne di uscire dalla spirale di violenza fisica e psicologica, aveva ritirato la querela ed era tornata a casa, dal suo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi