closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Ai confini fra umano e robot, gioco di specchi per Woodkid

Note sparse. Produttore, regista, autore e cantante: il musicista francese torna dopo sette anni con l’album «S16»

Woodkid

Woodkid

Una frontiera è una linea che disgiunge il noto dall’ignoto, la certezza dall’inquietudine. Cosa può spingere a superarla, quella linea? Forse solo il desiderio eroico e paradossale di abbandonare il noto per l’ignoto, la sicurezza per la paura? Questo sembra domandare, silenziosamente, nel suo secondo disco S16 (Island) Woodkid, un bel geniaccio che molto mancava al mondo della musica. Apocalittica la sua estetica, disegna scenari macabri, iperreali, profondi che coinvolgono sempre altri sensi. Mancava da diversi anni, più o meno dal successo bello e prolungato di The Golden Age del 2013 che ha venduto poco più di 800mila copie nel...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.