closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Ai confini del Giambellino

Periferie. Una visita guidata da Dario Anzani della Cooperativa sociale del quartiere, il problema delle case, le iniziative culturali, i libri

ragazzi al Giambellino

ragazzi al Giambellino

Per molti, milanesi compresi, il Giambellino è solo il bar di una vecchia canzone. La scrisse nel 1960 Giorgio Gaber, titolo La ballata del Cerutti. Il Cerutti Gino, biondo, sui vent’anni, ‘fiutava intorno che aria tira/ e non sgobbava mai’. Un randa, diminutivo dialettale di randagio, uno che cerca di arrangiarsi come può. E nella ballata di Gaber, il Gino si arrangia rubando di notte una lambretta, subito pizzicato da una pantera della pula, la polizia, che passava di lì. Di tipi così, allora, il Giambellino ne contava parecchi. Tipi che il quartiere a mezz’ora dalla Madunina, nato operaio e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi