closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Agrippina, rutilante imperatrice dark lady

Musica. Joyce DiDonato domina la scena al Covent Garden nei panni della sovrana di Handel diretta da Barrie Kosky

Franco Fagioli e Joyce DiDonato

Franco Fagioli e Joyce DiDonato

I palazzi del potere sono gelide stanze in strutture modulari in metallo cromato: si chiudono, si aprono e ricompongono intorno a una scalinata, il popolo dei sudditi assente, il palazzo abitato solo dai protagonisti di una congiura contemporanea, come in una serie tv. Tutti vogliono salire la scala del potere in Agrippina di Handel, anche se sin dal primo atto dell’opera creata a Venezia nel 1709 e in scena al Covent Garden di Londra fino al’11ottobre, il regista Barrie Kosky ci mostra quando pericolosa possa essere l’ascesa. Eppure tutti macchinano, a partire da Agrippina, Joyce DiDonato, estrosa, autoritaria e fulminante...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.