closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Agli altri prescrive di uccidersi se non sanno godere

Personaggi. Consapevole che la critica avrebbe cercato precedenti illustri per il suo eroe, Michail Arcybašev si diverte: fa addormentare di noia Sanin su «Così parlò Zarathustra» e rivendica il suo legame esclusivo con la cultura russa

Ilya Mashkov, «Ritratto  di sconosciuto», 1910

Ilya Mashkov, «Ritratto di sconosciuto», 1910

Nel 1908 un ignoto studente pietroburghese si recò in pellegrinaggio da Zinaida Gippius – poetessa simbolista dalla personalità sulfurea, animatrice di uno dei salotti letterari più effervescenti della capitale – per sottoporle il seguente quesito: vivere o no «alla Sanin»? Un nome, quello del vizioso protagonista del romanzo omonimo di Michail Arcybašev, che all’epoca sintetizzava in sé tutta una serie di idee quantomeno controverse: la celebrazione del libero amore, contrapposto sia al puritanesimo rivoluzionario che alla grettezza piccolo-borghese, la rivendicazione dell’eguaglianza tra i sessi, equiparati nella ricerca del piacere e, infine, una sfida inequivocabile lanciata all’intelligencija progressista, accusata di fatale...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi