closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Agitu Ideo Gudeta, era il nostro simbolo per la terra senza frontiere

Il ricordo di Slow Food. Ciò che l’ha resa un simbolo per molti non è il colore della pelle, ma i suoi valori: credeva nella dignità del lavoro, della terra e delle persone

Agitu Ideo Gudeta

Agitu Ideo Gudeta

Agitu Ideo Gudeta allevava capre, produceva formaggi e coltivava ortaggi. Lo faceva a Frassilongo, nella valle dei Mòcheni, una ventina di chilometri da Trento, il luogo dove aveva deciso di trovare rifugio dalle minacce ricevute in Etiopia, dov’era nata 43 anni fa. Il Trentino-Alto Adige era la sua seconda casa. E questa valle, questo paesino di meno di quattrocento abitanti che in gran parte parlano la lingua mòchena, il suo quartier generale: un’azienda agricola biologica, chiamata La capra felice. Agitu Ideo Gudeta è stata uccisa il 29 dicembre, a tre giorni dal suo compleanno. Il suo progetto, avviato nel 2010,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.