closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Agiografia, dalle vite dei Santi alla storia delle mentalità

Medioevo e non solo. Un percorso di lettura a partire dai saggi di Sofia Boesch Gajano editi da Viella. Emersi nel conflitto fra cattolici e protestanti, questi studi hanno assunto progressivamente un nuovo significato

«Vite di Santi», Santa Maria in Solario, Monastero di Santa Giulia, Brescia

«Vite di Santi», Santa Maria in Solario, Monastero di Santa Giulia, Brescia

Gli studi agiografici sono antichi: nascono infatti durante la controversia fra cattolici e protestanti, quando il culto dei santi e la storia della Chiesa erano argomenti fortemente divisivi. A Parigi fondavano la medievistica eruditi come Jean Mabillon e i suoi confratelli benedettini della congregazione di Saint-Maur, che dell’abbazia di Saint-Germain des-Près facevano centro attivissimo di ricerca e di edizione di documenti; mentre i loro concorrenti, i padri gesuiti belgi, passavano a revisione gli Atti dei santi: vite, miracoli, traslazioni, passioni. L’IDEA DI RACCOGLIERE questi scritti, passandoli al vaglio della critica filologica, venne a un olandese, Heribert Rosweyde: la sua opera...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi