closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Agguati jihadisti al generale Haftar, attacco alla «Nato»

Libia. Agguati e bombe nel paese a pezzi. Elezioni il 25 giugno

Libia, dopo i combattimenti a Bengasi

Libia, dopo i combattimenti a Bengasi

Crisi, assalti e bombe. La Libia del post-Gheddafi è ben lontana dal ritrovare una parvenza d’equilibrio. Ieri, a Tripoli, due persone sono rimaste uccise a causa di scontri e bombe. Gli abitanti hanno sentito forti esplosioni vicino alla caserma di Yarmuk, nel quartiere di Salaheddine. Intensi combattimenti con l’impiego di batterie antiaeree si sono verificati vicino a un campo militare nei pressi di Tajura, nell’est della capitale. Secondo quanto ha dichiarato all’agenzia Fides Innocenzo Martinelli, Vicario apostolico di Tripoli, una bomba avrebbe «colpito anche gli uffici della Nato, contigui a quelli dell’Unione europea». E un contrammiraglio della marina libica, il...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.