closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Agenzie in sciopero, «Lotti segua le regole europee»

Anche Sky Tg24 spegne le telecamere. Le redazioni chiedono di superare l’idea di bando, che non c'è negli altri stati, e salvaguardare il pluralismo delle voci e i livelli occupazionali. I giornalisti del canale tv chiedono all'azienda di ritirare i licenziamenti

Niente lanci di agenzia, nella giornata del sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma le notizie in redazione arrivano dai siti, dai social e soprattutto dai cronisti che, gambe in spalla come nell’era pre-tecnologica, debbono farsi in quattro, anche per verificare fonti e numeri della giornata. Ieri le agenzie di stampa italiane, che producono l’informazione di base per le istituzioni, il mondo politico ed economico e il mercato editoriale, sono rimaste quasi completamente mute contro la decisione del ministro Luca Lotti (dello Sport con delega all’editoria) di cancellare il sistema delle convenzioni per sostituirlo con una gara europea. Una gara però...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi