closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Agenzia del farmaco, giallo politico sulle nomine

Sanità. Sulla scelta del presidente dell'Aifa, l'ipotesi di pressioni di Luca Lotti per favorire un candidato gradito anche a Denis Verdini. Il ministro smentisce: "I vertici dipendono dal ministro della salute, non da quello dello sport".

Luca Lotti e Denis Verdini in Parlamento

Luca Lotti e Denis Verdini in Parlamento

Fra supposte pressioni e smentite, c'è un piccolo giallo intorno alla scelta del presidente di Aifa, l'Agenzia italiana del farmaco, che determina i prezzi dei medicinali e segnala quali devono essere a carico del sistema sanitario. L'incarico non è operativo, perché a trattare con le industrie è direttore di Aifa, Mario Melazzini, nominato nello scorso autunno dalla ministra Lorenzin. Però da quel momento la nomina del presidente è stata ritardata, secondo alcune voci a causa dell'interessamento dell'attuale ministro allo sport Luca Lotti, che all'epoca era sottosegretario alla presidenza del consiglio. Il diretto interessato smentisce: “Leggo che starei discutendo con i...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi