closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Afonso Reis Cabral fra disabilità genetica e handicap affettivo

Narrativa. L'esordio dello scrittore portoghese

«Succederà a Tojal. E Tojal è vicino ad Arouca e lontano da tutto il resto». Il contesto in cui apprendiamo la storia dei due fratelli protagonisti, uno professore universitario quarantenne, l’altro Miguel, di poco più giovane e affetto dalla sindrome di Down, è il viaggio verso un desolato paesino dell’entroterra del Portogallo. Alla guida, attraverso il curvilineo andamento della strada, il fratello maggiore, cui è affidata la anonima voce narrante di Mio fratello, romanzo d’esordio dello scrittore portoghese Afonso Reis Cabral, vincitore nel 2014 dell’importante premio LeYa, ora edito da Nutrimenti nell’eccellente traduzione di Marta Silvetti (pp. 336, e19,00). Tojal...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.