closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Afghanistanismi, passati e presenti

L'intervento. Considerazioni sulla guerra più lunga della storia degli Stati Uniti

James Rattray (1818-1854), Interno del Palazzo di Shauh Shujah Ool Moolk, sovrano di Kabul, Emiro dell'Afghanistan, qui all'atto della sua incoronazione nel 1839; litografia dal terzo pannello della serie  'Afghaunistan'.  Londra, The British Library

James Rattray (1818-1854), Interno del Palazzo di Shauh Shujah Ool Moolk, sovrano di Kabul, Emiro dell'Afghanistan, qui all'atto della sua incoronazione nel 1839; litografia dal terzo pannello della serie 'Afghaunistan'. Londra, The British Library

«Il disastroso ritiro da Kabul dovrebbe rappresentare un eterno monito per i futuri statisti affinché non ripetano le politiche che hanno portato a un risultato tanto amaro quanto lo è stato quello registrato nel 1839-1842». Così scrisse il capitano George St Patrick Lawrence (1804-84), un veterano della prima guerra anglo-afghana del 1839. Nei mesi antecedenti allo scoppio del conflitto, la Gran Bretagna investì ingenti risorse con l’obiettivo di imporre in Afghanistan Shah Shuja Durrani, un sovrano «sensibile» agli interessi di Londra che beneficiò tra l’altro di una pensione elargita dalla Compagnia britannica delle Indie orientali. Larga parte della popolazione locale...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.