closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Afghanistan, una storia antica alla mercè di iconoclastia, furti e miniere cinesi

Intervista allo storico Omar Coloru. «Il patrimonio archeologico plurimillenario del Paese riflette bene una dimensione multiculturale del passato. E in genere gli afghani ne sono consapevoli e orgogliosi. Nei Talebani invece c'è un approccio utilitaristico oltre che religioso». Dalla fine dei Buddha di Bamiyan alla difesa di Mes Aynak

Scavi nell’antico centro urbano di Mes Aynak, che sorge su uno dei più grandi giacimenti di rame al mondo

Scavi nell’antico centro urbano di Mes Aynak, che sorge su uno dei più grandi giacimenti di rame al mondo

Nel 2001, la distruzione dei Buddha di Bamiyan - due statue colossali scolpite nella roccia a 2500 metri di altitudine e datate tra il VI e il VII secolo d.C. - da parte dei Talebani provocò grande sconcerto in Occidente. Ora che l’Afghanistan è stato riconquistato dai fondamentalisti islamici, i media ritornano su quell’evento paventando attacchi al patrimonio su larga scala, come quelli inflitti dall’Isis in Siria e in Iraq tra il 2015 e il 2017. Ma il raffronto tra due ideologie definite, in questi specifici contesti, iconoclaste è opportuno o eccessivamente semplicistico? Ne abbiamo parlato con lo storico Omar...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.