closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Aferpi, operai in solidarietà aspettando gli investimenti

Aggrappati all'acciaio. Contratti rinnovati fino a tutto il 2018 per i 2.200 addetti diretti delle Acciaierie. Ancora quattro mesi di tempo concessi a Rebrab per avviare il piano industriale, continuando a cercare linee di credito dalle banche.

Si manifesta per il lavoro

Si manifesta per il lavoro

Gli stipendi dei 2.200 addetti diretti delle Acciaierie di Piombino – pur ribassati per i contratti di solidarietà – sono salvi fino a tutto il 2018. Per il resto c'è solo da incrociare le dita e vedere se Issad Rebrab riuscirà a recuperare i suoi ingenti capitali dall'Algeria. Oppure se le banche italiane faranno finalmente credito ad Aferpi, come chiede da tempo, fra i tanti, anche Enrico Rossi. Questa la sintesi del vertice al ministero dello sviluppo economico sul caso Piombino, preceduto dal rinnovo del periodo biennale di vigilanza, fino al giugno 2019, del commissario straordinario su Aferpi. “Abbiamo portato...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.