closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'Ultima

Adriana Zarri, la teologa contro «i guardiani del sabato»

Il ricordo. Nove anni fa moriva nel suo eremo di Crotte di Strambino una delle menti più amate e controverse dell’intellettualità cattolica

Due foto di Adriana Zarri al Molinasso

Due foto di Adriana Zarri al Molinasso

Chi son? Sono un poeta. Che cosa faccio? Scrivo. E come vivo? Vivo!, cantava Rodolfo nel primo atto della Boheme. Qualcosa mi dice che Adriana, per sé stessa, non avrebbe usato parole molto diverse a chi le chiedesse di presentarsi. Sosteneva di essere ricca di doni, debitrice di molti, a cominciare da Dio e dalla natura prodiga di offerte vitali. Era convinta che la povertà, il distacco dagli ingombranti beni materiali, fosse condizione indispensabile della libertà. La sua povertà, però, disconosceva la vita bisognosa, disordinata e scapigliata dei bohémiens. La sua povertà non era l’amaro calice della vita d’artista e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.