closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Adorno, esercizi di resistenza alla assegnazione di un’identità concettuale

Filosofi del Novecento. «Introduzione alla dialettica», un inedito dalle numerose lezioni che a partire dal 1949 Adorno tenne all’Università di Francoforte, da ETS

Carl Grossberg, «Sala macchine», 1925

Carl Grossberg, «Sala macchine», 1925

Troppo spesso schiacciato su opposizioni binarie, come quella celeberrima tra Stravinskij e Schönberg, rappresentanti l’uno della «reazione» l’altro del «progresso», il pensiero di Adorno è stato, in realtà, tutto attraversato da uno spirito dialettico, come testimoniano – se non altro – la Dialettica dell’illuminismo, scritta con Max Horkheimer, e soprattutto la Dialettica Negativa, summa filosofica della maturità. L’immagine del filosofo autoreferenziale, chiuso in uno snobismo culturale che ne fa il più intransigente tra gli apocalittici è smentita via via anche dalle numerose lezioni che a partire dal 1949 Adorno tenne all’Università di Francoforte, e che mentre testimoniano l’immediatezza e il...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi