closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Addio a Jacopo Gardella, tra ricerca e riserbo

RITRATTI. Scompare all'età di 85 anni l'architetto italiano che ha praticato la professione come un impegno civile e di cultura

Jacopo Gardella, Ostuni, Centro di Riabilitazione «La Nostra Famiglia»

Jacopo Gardella, Ostuni, Centro di Riabilitazione «La Nostra Famiglia»

Quella dei Gardella è una saga familiare che ha inizio nella Genova neoclassica di primo Ottocento, prosegue per Alessandria, si sposta a Milano e a Venezia, e di generazione in generazione arriva sino a noi. A 85 anni è morto, il 25 febbraio scorso, Jacopo Gardella. Era figlio di Ignazio (1905 - 1999), una delle figure più importanti dell’architettura italiana, tra il razionalismo originale d’anteguerra e il revisionismo successivo. Era stato con Albini tra i pochi a raccogliere non il discorso duro e intransigente di Giuseppe Pagano, ma l’eredità critica e la decantazione formale di Edoardo Persico. JACOPO ha sempre...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi