closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Addio a Ismael Ivo, il corpo conflittuale

Danza. Morto per Covid il grande coreografo brasiliano, direttore della Biennale danza dal 2005 al 2012. «Ho usato il fisico non per metterne in risalto la bellezza, ma personaggi e temi ruvidi»

Ismael Ivo

Ismael Ivo

Un uomo solare, empatico, un danzatore dalla fisicità potente, un autore curioso: Ismael Ivo, brasiliano, 66 anni, direttore della Biennale Danza di Venezia dal 2005 al 2012, ci ha improvvisamente lasciato, un’altra vittima del Covid in un Brasile devastato dal virus. Pensarlo oggi è un viaggio tra spettacoli, progetti, conversazioni, risate. Perché Ivo difficilmente, anche nelle situazioni più impegnative, perdeva il suo buonumore, la sua curiosità verso gli artisti invitati a Venezia o all’International Tanzwochen Festival di Vienna, che lanciò nei primi anni Ottanta, il suo gusto per una chiacchierata rilassata sull’arte. LO RIVEDIAMO camminare per Venezia, elegantissimo incontrare in...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi