closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Addio a Claudio Lolli, il cantore degli anni Settanta

Musica. È scomparso ieri il musicista e scrittore bolognese, la voce inquieta che ha raccontato pazzi e sognatori

Le canzoni di Claudio Lolli sono  state la colonna sonora di una generazione dolce e ribelle, che è stata anche la mia, con lui se ne vanno un po’ dei nostri sogni e parte della nostra tenerezza, che è stata più forte della violenza che ci ha travolto, della nostra rabbia contro la stupidità del mondo. Da Aspettando Godot fino al Grande freddo la sua è stata la condotta coerente e il conio del nostro unico vero chansonnier, un’anomalia nel panorama italiano, letterario e colto, i suoi dischi spesso nascevano dai romanzi o dalle poesie (con un poeta affine, Gianni...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.