closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
1 ULTIM'ORA:
Internazionale

Acqua, elettricità, lavoro. Le piaghe di Gaza causate dal blocco israeliano

Territori occupati. A un mese dal cessate il fuoco che ha chiuso l'ultima escalation militare, Israele non ha accettato una sola richiesta degli islamisti Hamas per allentare il blocco della Striscia. Uno stallo che può innescare una nuova guerra

Rete idrica distrutta dai raid aerei israeliani a nord di Gaza city

Rete idrica distrutta dai raid aerei israeliani a nord di Gaza city

Un mese dopo l’inizio del cessate il fuoco tra Israele e Hamas, una persona su cinque nella Striscia di Gaza non ha accesso all'acqua corrente. I bombardamenti aerei israeliani tra il 10 e il 21 maggio hanno danneggiato anche le infrastrutture idriche: pozzi, stazioni di pompaggio e trattamento delle acque reflue, impianti di desalinizzazione. Manca inoltre l’elettricità pubblica per gran parte del giorno e per questo liquami non trattati si riversano in mare. I bambini fanno ugualmente bagni e tuffi perché quella è l’unica vacanza che possono permettersi a Gaza sotto blocco israeliano da 14 anni. Gli ingegneri della Water...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.