closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Accordo Usa-Russia per distruggere le armi chimiche

Siria. L'intervento si allontana: Damasco ha una settimana per presentare la lista dei siti, ispettori da novembre, distruzione a metà 2014. La Russia accetta il riferimento all'articolo VII, con minaccia di ricorso alla forza se il regime viola gli impegni. La Francia aspetta il rapporto Onu per pronunciarsi, ma per gli europei ci sono "passi avanti". Lunedi' Kerry e Hague a Parigi, martedi' Fabius a Mosca

 Il segretario di Stato americano John Kerry e il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov

Il segretario di Stato americano John Kerry e il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov

  L’intervento occidentale in Siria si allontana, per il momento. Usa e Russia hanno raggiunto un accordo su un ultimatum alla Siria e un piano per l’eliminazione delle armi chimiche, dopo tre giorni di negoziati a Ginevra tra John Kerry e Serguei Lavrov. Damasco ha una settimana per presentare all’Onu la lista delle armi in suo possesso. Dovrà permettere l’accesso sul territorio degli ispettori dell’Onu, che saranno sul posto al più tardi a metà novembre. Le armi chimiche saranno distrutte in linea di principio entro la metà del prossimo anno. E se il regime di Assad non rispetterà gli impegni,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi