closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Accoglienza negata, guerre, vaccini, ambiente: il papa incalza gli Stati

Il discorso ai 183 ambasciatori accreditati presso la Santa Sede. Bergoglio contro l’«uso politico» dei migranti «trasformati in arma di ricatto». E a qualcuno saranno fischiate le orecchie

Il pontefice ieri con il corpo diplomatico nella Cappella Sistina

Il pontefice ieri con il corpo diplomatico nella Cappella Sistina

«Non ci si può trincerare dietro muri e fili spinati» per respingere i migranti, «con il pretesto di difendere la sicurezza o uno stile di vita». Papa Francesco parla agli ambasciatori dei 183 Stati che hanno rapporti diplomatici con la Santa sede – ricevuti ieri in Vaticano – e rivolge loro un nuovo appello a favore di donne e uomini «costretti ad abbandonare» i propri Paesi. Non una politica generalizzata delle porte aperte – non è mai stata la linea di Oltretevere –, ma un’accoglienza possibile. «A NESSUNO può essere chiesto quanto è impossibilitato a fare, ma vi è una...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.