closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Abu Mazen sulla graticola

Territori Occupati. La vicenda dei tre ragazzi ebrei scomparsi, quasi certamente rapiti, in Cisgiordania si sta trasformando una disfatta per il presidente dell'Anp Abu Mazen, costretto a ribadire la collaborazione di sicurezza con Israele tra lo sdegno dei palestinesi che fanno i conti con il pugno di ferro delle forze di occupazione

Il presidente palestinese Abu Mazen

Il presidente palestinese Abu Mazen

Come e quando si concluderà la vicenda dei tre giovani israeliani scomparsi il 12 giugno in Cisgiordania nessuno lo sa. Le uniche certezze al momento sono la punizione collettiva che sta subendo larga parte della popolazione palestinese – nelle ultime ore è spirato un giovane di 24 anni, Mustafa Aslan, ferito dai soldati israeliani a Qalandiya ed è morta una anziana di 78 anni, Fatima Rushdi, colpita da infarto durante un raid dei militari nel suo campo profughi, Arroub – e il crollo d’immagine dell’Autorità nazionale palestinese e del suo presidente Abu Mazen. Perchè se è vero che le operazioni...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi