closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Abu Mazen ora è un amico del terrorismo

Israele/Palestina. Il governo israeliano rilancia l'accusa al leader palestinese di fomentare la violenza e gli attentati. Per i palestinesi Netanyahu vuole distruggere la credibilità sulla scena internazionale del presidente dell'Anp. Per gli analisti israeliani invece Abu Mazen starebbe mostrando il suo "vero volto".

Il presidente palestinese Abu Mazen e il premier israeliano Netanyahu

Il presidente palestinese Abu Mazen e il premier israeliano Netanyahu

«Se Israele vuole combattere la seconda Intifada di Al Aqsa, allora deve cooperare con la persona che accusa di terrorismo». Non ha dubbi il giornalista israeliano Shlomi Eldar. Solo la ripresa del dialogo con il presidente palestinese Abu Mazen può ricucire la situazione sempre più lacerata a Gerusalemme, ha scritto qualche giorno fa. Un suggerimento che il premier Netanyahu e molti dei suoi ministri difficilmente accoglieranno.   Abu Mazen, il dirigente palestinese che più di ogni altro Israele ha desiderato vedere alla guida dell’Anp, ora è descritto come un sobillatore, addirittura un sostenitore di attentati e violenze, perchè lancia appelli...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.