closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Abu Mazen convoca le elezioni. Palestinesi, forse, al voto dopo 15 anni

Territori occupati. Le consultazioni, legislative e presidenziali, dovrebbero tenersi il 22 maggio e il 31 luglio. Hamas applaude. Il presidente e l'Anp cercano di legittimarsi agli occhi dei palestinesi, dell'Ue e dell'Amministrazione Biden

Abu Mazen consegna il decreto sulle elezioni al presidente della Commissione elettorale Hanna Nasser

Abu Mazen consegna il decreto sulle elezioni al presidente della Commissione elettorale Hanna Nasser

Il decreto con il quale il leader dell’Autorità nazionale (Anp), Abu Mazen, venerdì ha convocato le elezioni non ha suscitato particolari entusiasmi nella popolazione palestinese in Cisgiordania e Gaza.  La reazione invece delle forze politiche e della società civile è stata positiva. Se le elezioni si terranno – il dubbio è legittimo visto che ad annunci simili in passato non è poi seguito il voto – i palestinesi dei Territori occupati torneranno alle urne per la prima volta dopo 15 anni, il prossimo 22 maggio per eleggere i membri del Consiglio legislativo e il 31 luglio, dopo 16 anni, per...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi