closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Abu Dhabi prova a strappare la Siria all’Iran

Medio oriente. Questo è ciò che affermano non pochi commentatori dopo l'incontro tra il siriano Bashar Assad e il ministro degli esteri degli Emirati, Abdullah bin Zayed al Nahyan. Ma a Tehran i falchi esultano: la fine dell'isolamento di Damasco offre all'Iran la possibilità di aggirare le sanzioni Usa

Il principe ereditario di Abu Dhabi Mohamed bin Zayed al Nahyan e il presidente siriano Bashar Assad

Il principe ereditario di Abu Dhabi Mohamed bin Zayed al Nahyan e il presidente siriano Bashar Assad

Un vortice di reazioni e commenti continua ad accompagnare il faccia a faccia che il presidente siriano Bashar Assad ha avuto il 9 novembre con il ministro degli esteri degli Emirati, Abdullah bin Zayed al Nahyan. È stata la prima missione ufficiale di un alto rappresentante di Abu Dhabi a Damasco dal 2011, anno di inizio della guerra in Siria. La visita segue il colloquio telefonico del 20 ottobre tra Mohamed bin Zayed al Nahyan, principe ereditario di Abu Dhabi, e Assad, in cui i due leader avevano parlato di relazioni bilaterali, delle aree di cooperazione tra Siria ed Emirati...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.