closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Abrignani: «Solo in futuro potremo rinunciare ai vaccini adenovirali»

L'intervista. Parla l’immunologo Sergio Abrignani del Cts: «Dobbiamo continuare a usare i vaccini AstraZeneca e Johnson & Johnson perché in Europa ne abbiamo bisogno. Ma indipendentemente dai problemi di sicurezza, per i vaccini adenovirali il futuro è segnato. L’ipotesi dei medici tedeschi sul legame tra vaccino e trombosi appare convincente, anche se potremmo non scoprirne mai la causa con certezza»

L’hub vaccini all’Auditorium di Roma

L’hub vaccini all’Auditorium di Roma

Oggi la Food and Drug Administration potrebbe decidere il futuro del vaccino Johnson & Johnson negli Stati uniti dopo i casi di trombosi anomale segnalati. La decisione avrà ripercussioni anche sull’analogo esame in corso all’agenzia europea Ema. Come AstraZeneca, anche il vaccino Johnson & Johnson usa un adenovirus (generalmente innocuo) per trasportare il Dna della proteina “spike” del coronavirus nelle cellule, e ciò fa pensare che i rari eventi avversi siano collegati a questa tecnologia vaccinale. Sono meccanismi che l’immunologo Sergio Abrignani, ordinario di Patologia all’università di Milano e membro del Comitato tecnico scientifico, studia a fondo. Prima di dirigere...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.