closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Abramovich o non Abramovich

FemmineFolli. Forme d'arte in cui la finzione è così sfacciata e in cui sembra che l'artista voglia prendere in giro lo spettatore. Oppure no

installazione di Marina Abramovich

installazione di Marina Abramovich

Come spettatore detesto le forme d’arte (che si tratti di cinema teatro fotografia pittura istallazione videoarte) in cui mi sento vilipesa, derisa, non rispettata come essere umano: quando la finzione è talmente sfacciata che mi fa capire che l’artista mi considera talmente cretina da crederci. Come regista pratico una ricerca visiva in cui metto lo spettatore al centro di qualcosa di bello che ho voglia di condividere con lui, rispettandolo, amandolo, valutandolo per quello che è: partecipe passivo della mia visione ma pur sempre attivo mentalmente e libero di fare le sue connessioni, di attivare le sue proiezioni, di smuovere...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.