closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Aborto, l’onda verde argentina scuote tutto il continente

America Latina. Con il sì di Buenos Aires all’interruzione di gravidanza legale,sicura e gratuita riparte la lotta. Giselle Carino: «L'Argentina  ha capito che l'accesso a un servizio di aborto sicuro è importante quanto l'accesso all'acqua, al cibo, alla previdenza sociale». Ma con patriarcato, conservatorismo religioso e razzismo, i dati sui diritti delle donne sono ancora impietosi. E in alcuni paesi si rischiano 30 anni di carcere

Buenos Aires, 30 dicembre 2020

Buenos Aires, 30 dicembre 2020

In tutta l'America Latina, movimenti femministi e difensori dei diritti umani hanno celebrato il voto del Senato argentino, lo scorso 30 dicembre, che consentirà l'aborto legale, sicuro e gratuito. Nel continente che più uccide e penalizza le donne quando si tratta di interrompere una gravidanza, la cosiddetta «onda verde» nata in Argentina rappresenta la speranza. E In Cile, il dibattito sul tema è già iniziato il 13 gennaio, presso la Commissione per le donne e l'equità di genere della Camera. DA TIJUANA A USHUAYA, ogni anno vengono eseguiti circa 7 milioni di aborti, secondo l'Oms. Studi del Guttmacher Institute sostengono...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.