closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Aborto, la Corte suprema contro lo Stato del Texas

Stati uniti . Condannata la legge del 2013 che ha imposto regole talmente severe per i consultori da costringerli alla chiusura. Mettendo così a repentaglio, dice la sentenza, la salute delle donne e violando «un diritto sancito dalla costituzione». Hillary Clinton esulta per il pronunciamento che respinge gli attacchi dei conservatori

Washington, manifestazione per la legalizzazione dell'aborto

Washington, manifestazione per la legalizzazione dell'aborto

La sentenza della Corte suprema ha dichiarato anticostituzionale una legge del Texas che aveva ristretto l’accesso all’aborto di milioni di donne dello Stato più grande d’America. La legge del 2013 aveva istituito nuove severe normative per le «abortion clinic», gli ambulatori preposti agli interventi. Le regole texane imponevano in che i consultori – molti gestiti dal collettivo Planned Parenthood - fossero equiparate agli ospedali. L’imposizione di sale operatorie a norma e l’assunzione di chirurghi specializzati affiliati con ospedali, fino a dettagli come metratura e corridoi abbastanza ampi per i passaggio di due barelle, erano state imposte dal parlamento repubblicano dello...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.