closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Aborto, Belfast in alto mare. Senza governo né legge

Irlanda del Nord. I partiti principali hanno posizioni ambigue, solo i Verdi spingono per applicare le leggi vigenti nel Regno Unito sull'interruzione di gravidanza. Sinn Féin, da sempre prudente, sta cambiando approccio grazie alla neo presidente Mary Lou MacDonald

Flash mob per il diritto all’aborto in Irlanda del Nord

Flash mob per il diritto all’aborto in Irlanda del Nord

La Repubblica d’Irlanda e l’Irlanda del Nord, divise come sono da un confine ancora per poco invisibile, quando si tratta del diritto delle donne ad abortire, si presentano perfettamente unite e coese. Tuttavia, se a Sud si terrà domani il referendum per l’abrogazione dell’ottavo emendamento al fine di consentire, anzi obbligare, governo e parlamento a legiferare su questa materia estremamente spinosa, la discussione se estendere o meno al Nord l’Abortion Act in vigore in Gran Bretagna appare ancora in alto mare. A Belfast e dintorni, infatti, l’interruzione di gravidanza è consentita soltanto se a rischio sia la vita della donna,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi