closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Abdullah e Ghani al ballottaggio tra promesse, favori e nervosismi

Afghanistan. Il 2 luglio le prime proiezioni e il 22 i risultati finali ufficiali

Soldati presidiano i seggi a Jalalabad

Soldati presidiano i seggi a Jalalabad

Lontani dagli occhi e soprattutto dal cuore di un pianeta che per più di dieci anni ha seguito le peripezie di un Paese ormai entrato nella categoria dell’oblio, 7 milioni di afgani sono andati sabato a votare al secondo turno delle presidenziali per scegliere chi sostituirà l’inossidabile Hamid Karzai, giunto forse al termine della sua perigliosa avventura politica. La capitale appariva più deserta che in un giorno di festa: vietata la circolazione, negozi serrati e, sorprendentemente, una corsa di primo mattino alle urne per intingere l’indice nell’inchiostro indelebile e firmare così la scheda. «Per le presidenziali non c’è un limite...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.