closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Abd al Wahhab alla conquista dell’Islam

Medio Oriente/Europa. Il wahhabismo sta prendendo il controllo della fede islamica diffondendo tra i giovani musulmani il rifiuto della diversità e della tolleranza. Si propaga grazie ai miliardi di dollari che l'Arabia saudita investe nella costruzione ovunque di moschee, scuole coraniche e centri culturali gestiti da imam pagati da Riyadh. L'Occidente ha usato il wahhabismo per i suoi interessi, oggi ne paga le conseguenze.

Re Ibn Saud con il presidente americano Franklin D. Roosevelt

Re Ibn Saud con il presidente americano Franklin D. Roosevelt

Se il pensiero dell'oscuro predicatore Muhammad ibn Abd al Wahhab, due secoli e mezzo dopo il patto siglato nel deserto del Najd con Muhammad ibn Saud, è lanciato alla conquista dell'Islam, lo si deve alla Gran Bretagna e al petrolio. Desiderosi di abbattere l'impero Ottomano, i britannici prima usarono il wahhabismo per fini geopolitici e, successivamente, nel 1932, consentirono ad Abd al Aziz al Saud di dare vita al regno dell'Arabia saudita. Permisero, per i loro interessi, la nascita di una entità che un secolo prima altri musulmani agli ordini di Muhammad Ali Pascià avevano distrutto con varie spedizioni in...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.