closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Aaron Fischer, Capitan America fra gli eroi della comunità queer

Comics. Per gli 80 anni del personaggio Marvel, in coincidenza con il Pride a giugno, debutta il primo «Cap» Lgbt

Chissà che cosa avrebbe da dire l’ineffabile Fredric Wertham sugli attuali scenari del fumetto a stelle e strisce. Lui, psichiatra un po’ tocco, morì convinto che sceneggiatori e disegnatori fossero cattivi maestri votati a corrompere la meglio gioventù a colpi di vignette. Un delirio maccartista: ma intanto, l’uscita del suo saggio Seduction of the Innocent (1952) è il pilastro del più devastante psicodramma collettivo dell’industria dei comic book, con gli editori più estremi in bancarotta e gli altri incatenati al bollino di garanzia della «Comics Code Authority». A FARNE le spese, i lettori, fin lì esposti a influssi negativi tutti...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi