closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Aaron Fischer, Capitan America fra gli eroi della comunità queer

Comics. Per gli 80 anni del personaggio Marvel, in coincidenza con il Pride a giugno, debutta il primo «Cap» Lgbt

Chissà che cosa avrebbe da dire l’ineffabile Fredric Wertham sugli attuali scenari del fumetto a stelle e strisce. Lui, psichiatra un po’ tocco, morì convinto che sceneggiatori e disegnatori fossero cattivi maestri votati a corrompere la meglio gioventù a colpi di vignette. Un delirio maccartista: ma intanto, l’uscita del suo saggio Seduction of the Innocent (1952) è il pilastro del più devastante psicodramma collettivo dell’industria dei comic book, con gli editori più estremi in bancarotta e gli altri incatenati al bollino di garanzia della «Comics Code Authority». A FARNE le spese, i lettori, fin lì esposti a influssi negativi tutti...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.