closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

A un anno dall’uccisione di Ugo Russo, il padre denuncia: «Ancora non c’è l’esito dell’autopsia»

Manifestazione a Napoli per chiedere «Verità e giustizia». Il ragazzo di 15 anni stava tentando una rapina con una pistola giocattolo. Indagato un carabiniere ventenne per omicidio volontario

Il murales dedicato a Ugo Russo, Napoli

Il murales dedicato a Ugo Russo, Napoli

È passato un anno dalla morte di Ugo Russo e i genitori ancora non sanno cos’è successo esattamente al figlio. Avevano protestato a luglio, ieri sono tornati in piazza, a Napoli, in corteo (presente anche Ascanio Celestini) per chiedere «quanto conta la vita di un ragazzo». Ugo Russo aveva 15 anni e viveva in vico Paradiso, tra Montesanto e via Toledo. La notte dello scorso 29 febbraio con un amico tentò con una pistola giocattolo di rapinare del Rolex un altro ragazzo di 23 anni, che era in auto con la fidanzata. Un ragazzo che di mestiere fa il carabiniere...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi