closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

A Teheran lo scontro con gli Usa rafforza i pasdaran: «Chiuderemo Hormuz»

Repubblica Islamica. Con i suoi attacchi Washington punta sul cambio di regime. Ma se in passato gli iraniani chiedevano maggiori diritti, oggi protestano per la corruzione, il ritardo dei salari, la svalutazioe del rial

Il premier iraniano Rohani

Il premier iraniano Rohani

«Non è la prima volta che le autorità iraniane minacciano di chiudere lo Stretto di Hormuz. E non è detto siano in grado di farlo, perché nel Golfo persico c’è una massiccia presenza militare americana. E poi gli iraniani sarebbero i primi a risentirne, perché da lì transitano anche petrolio e merci della Repubblica islamica». Docente all’Università di Exeter e autore del saggio Iran Rivoluzionario (Libreria Editrice Goriziana ), Michael Axworthy commenta così le minacce del leader supremo iraniano Ali Khamenei di chiudere lo Stretto di Hormuz nel caso in cui Washington dovesse imporre l’embargo sull’oro nero iraniano. Dallo Stretto...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.