closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

A Sheikh Jarrah, la vita con l’ansia dell’arrivo dei coloni israeliani

Gerusalemme. Ventotto famiglie palestinesi, oltre 500 persone, rischiano di essere sgomberate con la forza dalle loro abitazioni per far posto ai settler.

Gerusalemme. Manifestazione ieri a Sheikh Jarrah contro gli sgomberi delle famiglie palestinesi

Gerusalemme. Manifestazione ieri a Sheikh Jarrah contro gli sgomberi delle famiglie palestinesi

«La prossima settimana avrò 60 anni e, ci pensavo qualche giorno fa, da 50 anni, da quando ero un bambino, sento parlare degli israeliani che vogliono prenderci la casa e quelle dei nostri vicini», ci dice Yacoub Abu Arafeh accogliendoci nel giardino della sua bella abitazione in pietra a Sheikh Jarrah, nel centro di Gerusalemme est, la zona palestinese della città occupata da Israele nel 1967. «È sfibrante vivere con l’ansia – aggiunge -, con l’angoscia di ricevere, da un momento all’altro, l’intimazione di un tribunale israeliano che ti ordina di evacuare la casa dove sei nato, dove hai sempre...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi