closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

A Pompei si lavora di notte per terminare i cantieri

Beni culturali . Speso solo l’1% dei fondi Ue, Franceschini e Hahn accelerano. Ma c’è il pericolo boomerang

Pompei

Pompei

Il ministro per i Beni e le attività culturali Dario Franceschini, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Graziano Delrio e il commissario europeo Johannes Hahn erano ieri agli scavi con il governatore Caldoro per firmare il piano d’azione con cui riuscire a spendere tutti i fondi del Grande progetto Pompei entro il 31 dicembre 2015. Niente dilazione quindi, come aveva chiesto il premier Matteo Renzi a Bruxelles. Serve un’accelerazione da bolide di formula uno: dei 105 milioni stanziati nel 2012 (di cui 78milioni fondi europei Fesr) fino ad ora «solo l’1% è stato utilizzato e un altro 24% è stato...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi