closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

A Pomigliano è ancora scontro sui licenziamenti

Fiat. Processi in corso e nuove contestazioni disciplinari per le recenti proteste: tra scioperi, cassa integrazione e conflitti il sito napoletano stenta a ripartire

Operai davanti ai cancelli della Fiat di Pomigliano

Operai davanti ai cancelli della Fiat di Pomigliano

Il 17 luglio dovrebbe arrivare la sentenza del tribunale di Nola, chiamato a decidere se Domenico Mignano deve oppure no tornare a lavorare allo stabilimento Fiat di Pomigliano d’Arco. Una vicenda che si trascina da 6 anni. L’ad Sergio Marchionne è appena arrivato al Lingotto. Un gruppo di operai e attivisti occupa per un paio d’ore una concessionaria del gruppo al Centro direzionale, espongono striscioni e dal megafono raccontano gli effetti delle riforme in atto sulla vita degli operai. L’azione era stata decisa in preparazione dello sciopero generale indetto allora dai sindacati di base. Con Mignano c’è persino una futura...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi