closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'Ultima

A Mosul la musica è cambiata

Iraq. Dopo aver sfidato tre anni di occupazione Isis con clandestinità e stazioni «pirata», riaprono i negozi di dischi, i tassisti accendono la radio e il violino di Ameen ritorna a suonare. Ma ora, ci dice l'analista al-Nasrawi, «va ricomposta la fabbrica sociale, un mix unico di musulmani, assiri, caldei, kurdi, yazidi»

Il violinista iracheno Ameen Mukdad, 28 anni di Mosul, è tornato a suonare nella sua città a metà aprile

Il violinista iracheno Ameen Mukdad, 28 anni di Mosul, è tornato a suonare nella sua città a metà aprile

A Yarmouk era il pianoforte di Aeham Ahmad, a Mosul il violino di Ameen Mukdad. Il silenzio sul campo profughi palestinese in Siria occupato dall’Isis era lo stesso che rimbombava nella città irachena. A metà aprile il giovane violinista iracheno ha suonato in pubblico. Non lo faceva dal giugno 2014 quando lo Stato Islamico occupò in 48 ore Mosul: «Non dimenticherò mai il 10 giugno 2014 – racconta al Telegraph – È il giorno in cui la musica è morta». Dopo tre anni ha toccato le corde del suo violino in un luogo simbolo, la tomba del profeta Giona, Younis...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.