closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

A Los Angeles l’ossessione di Sam si tinge di noir

Cannes 71. Delude «Under the Silver Lake» il film David Robert Mitchell, con cui torna sulla Croisette in concorso dopo l'esordio horror di «It Follows» tre anni fa alla Semaine de la critique

Zosia Mamet in «Under the Silver Lake»

Zosia Mamet in «Under the Silver Lake»

Un grande successo della Semaine de la critique del 2015, con l’horror It Follows, David Robert Mitchell torna a Cannes, questa volta in concorso. Il film è Under The Silver Lake, un omaggio del quarantaquattrenne regista americano alla fertile vena del Los Angeles Noir. Quella di Chinatown, Kiss Me Deadly (Un bacio e una pistola), Mullholand Drive e dell’altmaniano Il lungo addio. Dipinta nei colori sgargianti della fotografia di Michael Gioulakis, accarezzata dai movimenti di macchina pesanti di suspense con cui è identificato lo stile del regista (carpenteriano, secondo alcuni), LA secondo Robert Mitchell è una città di scommesse perdute,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi