closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

A Lod, città della «gentrificazione nazionalista»

Israele. La città è stata la scorsa settimana al centro di scontri senza precedenti tra estremisti di destra ebrei e arabi. Due i morti.

[caption id="attachment_504305" align="aligncenter" width="512"] Tamer Nafar (foto di Michele Giorgio)[/caption] Cresciuto nell’area della città vecchia di Lod (Lid), tra le orribili espressioni dell’edilizia popolare israeliana degli anni ‘50, nei parchi pubblici privi di erba e coperti di immondizia e tra resti delle antiche costruzioni arabe, Tamer Nafar si innamorò dell’hip-hop un po’ per caso. Si ritrovò immerso nei testi sociali di Public Enemy, Biggie Smalls, Tupac. Assorbì le atmosfere delle aree statunitensi ad elevata criminalità che gli ricordavano i quartieri degradati della sua Lod. Da lì fu breve il passo che portò alla nascita dei Dam, la prima e, ancora...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.