closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

A lezione da Tarantino «Il digitale è la morte del cinema»

Wild Palms. Un incontro con il regista americano: nell'ambito della presentazione della versione restaurata del classico «Non aprite quella porta» del 1974

Quentin Tarantino

Quentin Tarantino

«Per quanto mi riguarda, la proiezione digitale è la morte del cinema. Non importa su che supporto un film sia stato girato - il fatto che oggi si proietti quasi solo digitalmente significa che la guerra è perduta. Che il cinema come lo conosco io è finito». È stato lo stesso Thierry Fremaux a offrire al suo ospite, Quentin Tarantino, lo spunto per cominciare la conferenza stampa con una lieve nota di polemica. «Pulp Fiction, è l’unico film proiettato in 35mm quest’anno a Cannes», ha precisato il direttore del festival presentando il regista americano, qui con la doppia mansione di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.